annuncio

Modulo annuncio
Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Il passato che ritorna

Modulo titolo pagina
Sposta Rimuovi Comprimi

Top utenti attivi

Modulo Top utenti attivi
Comprimi

Non ci sono utenti connessi.
X
Modulo Dettagli conversazione
Comprimi
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Il passato che ritorna

    Buongiorno Dott. Nervetti,
    so che la storia che le racconterò non sarà diversa da altre ma vorrei ugualmente condividerla con lei e avere un suo parere.

    A gennaio ho conosciuto e iniziato una relazione con un uomo con cui tutto sembrava andare molto bene: grande voglia di vedersi, sentirsi, stare insieme, condividere il nostro tempo.
    Dopo tre mesi si apre nei miei confronti dicendo non si sarebbe mai aspettato di riuscire a coinvolgersi così tanto soprattutto in questo momento della sua vita, che gli sono capitata all’improvviso e per caso, che con me era tutto molto bello ed intenso e che proprio per questi motivi aveva voglia di viversi questa storia.

    Dopo dieci giorni tutto cambia. Parliamo e mi confessa di aver saputo del ritorno a giorni in Italia e dopo ben undici anni della donna che pensava sarebbe stata la donna della sua vita e con la quale non era stato possibile vivere una storia a causa del suo trasferimento dall’altro lato del mondo.

    Questa notizia lo destabilizza… ed è subito pronto a rinunciare a me perché "se ci fosse anche solo una possibilità di vivere questa storia….voglio almeno provarci”.

    Mi dice di essere ben consapevole di quello che mi diceva fino a qualche giorno prima, mi dice che non gli sono indifferente, che per lui non è semplice e che probabilmente sta prendendo delle decisioni affrettate sulla base di un semplice pensiero ma che in questo momento si sente di far così.

    Si è chiesto se un pensiero possa essere più forte delle sensazioni che vive con me e ad oggi la risposta mi sembra essere scontata.

    Inutile dire che a me sembra tutto assurdo ed impossibile.

    Capisco tutti i suoi dubbi, la voglia di vedere quella persona che rappresenta un amore ricambiato non vissuto e quindi idealizzato ma fatico a comprendere come si possa rinunciare al presente, a qualcosa, a suo dire, di bello che valeva la pena di essere vissuto per qualcosa che in questo momento sembra esistere solo nella sua testa.

    Probabilmente ho solo frainteso il suo coinvolgimento nei miei confronti, ingigantito l'’importanza che lui dava alla nostra relazione e dato troppo peso alle sue parole. Glie l ’ho fatto presente e lui mi ha chiesto di non sminuire quello che c'’era stato. A me onestamente sembra sia stato lui ad aver sminuito tutto con la sua decisione.

    So bene che è inutile farsi ancora domande sul perché e sul percome: alla fine quel che conta è il risultato ossia la sua decisione che lo ha portato ad allontanarsi.
    Lui sa bene cosa provo e spesso vorrei anche solo scrivergli per condividere ancora una volta quello che penso di tutta questa situazione. Ma forse non ha poi tutto questo senso.

    Cosa ne pensa?
    Grazie,
    Serena
    Ultima modifica di serena1976; 13-06-2017, 13:28.

  • #2
    Penso che se una persona è tanto alienata da gettare alle ortiche quel che di bello sta vivendo ora per inseguire chimere e e voli pindarici di un passato lontanissimo, è bene allontanarsene al più presto, senza voltarsi indietro. Altro non c'è
    Dott. Andrea Nervetti

    Psicologo Psicoterapeuta - Milano

    Centro Riza di Medicina Naturale - Psicoterapia

    Commenta

    Sto operando...
    X