annuncio

Modulo annuncio
Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Sperare in una nuova cosa per separarsi è giusto?

Modulo titolo pagina
Sposta Rimuovi Comprimi

Top utenti attivi

Modulo Top utenti attivi
Comprimi

Non ci sono utenti connessi.
X
Modulo Dettagli conversazione
Comprimi
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Sperare in una nuova cosa per separarsi è giusto?

    Ciao a tutti, volevo fare un quesito, quando una coppia non funziona e per "non funziona" intendo, a seguito di un tradimento, a seguito di selenzi in casa per 6 mesi, e poi io di botto ho detto: me ne voglio andare! allora lui si svegliò, decise di prendere il percorso della psicoterapia - cancellarsi dai vari social - lascami uscire e via discorrendo...
    Direte: "allora di cosa ti lamenti?"
    Lamento il fatto che mi infastidisce il contatto fisico, non c'è nulla da agosto dell'anno scorso, mi urta il fatto che mi tocca, pensando che ha toccato un'altra e tutte queste cose che in terapia sono uscite. Lui dice che ha rispetto e pazienza ma in realtà vedo musi da parte sua quando esco ora, oppure se sono fredda come un ghiacciolo.

    Il fatto è che dopo 16 anni di fidanzamento, di cuoi 2 di convivenza e 5 quest'anno di matrimonio mi è difficile fare le valige e andare via. Mi sono sforzata di capire la situazione, di vedere se sopportavo, ma non sopporto, allora ho lasciato le cose come sono, mi concentro sulla mia via e passioni, ma torno a casa a volte tranquilla a volte non ci tornerei. Ma in conteporanea sento che mi sentirei vuota.

    Da una parte lui è il mio pilastro, dall'altra non sento di perdonare.

    Sono in questo limbo da mesi che se ascolto il mio lato del cuore scapperei viaaaaaaaaaaaaaaa e ricomincerei tutto, se ascolto il mio lato razionale sono li inerme tal volta.

    Non so cosa accipicchia fare, continuo andare in tereapia, ho avuto dei giovamenti miei personali almeno ho meno ansia prima non riuscivo neppure a dormire...

    Il non sapere cosa succederà mi fa paura, e allo stesso tempo vivere senza sapere se migliora
    Dare to dream

  • #2
    Provo a dire la mia.
    Penso sia difficilissimo interrompere un rapporto così lungo come il tuo. Dopo tanti anni passati insieme la vita sembra inconcepibile
    senza il tuo compagno. I segnali che ti manda il tuo corpo ( mancanza di desiderio, ansia, disagio ) però sono chiari e ti sono ostili.
    L'insicurezza e la mancanza di fiducia che rilevano le tue parole ti impediscono di risolvere la questione e ti condannano ad un'attesa
    senza fine. La soluzione è evidente anche ai tuoi occhi. Ti auguro di vincere la paura che attanaglia il tuo cuore e di accogliere come un'opportunità ciò che ti riserva il futuro.
    Secondo me hai aspettato abbastanza.
    Ciao

    Commenta


    • #3
      Ciao Alessia, posso dirti, da esperto nel settore, che è un atteggiamento del tutto naturale. Lui decide di riprendersi ciò che pensa sia suo, non tenendo in considerazione che l'effetto non è più lo stesso di quando catturò la tua attenzione anni fa. Che dirti, segui il cuore.
      Come riconquistare una ex con gentilezza ed eleganza. 4 VIDEO GRATUITI per tornare a sorridere insieme.

      Commenta


      • #4
        Ciao Alessia, a mio avviso il tuo conflitto interiore è normale visto che le relazioni sentimentali sono governate da dinamiche complesse che vanno molto oltre quella semplificazione che ci rassicura: lo lascio o rimango. Ne è la riprova il fatto che nel tuo racconto emergano temi importanti quali la paura, il perdono, il tradimento, il senso di frustrazione, la sofferenza, il desiderio, la fuga, la speranza, il significato della vita e dell’amore…. Io sono convinto che la vita ci metta di fronte alle difficoltà proprio per capire il senso della nostra esistenza, per imparare ad amare e solo dopo aver capito questo prepararsi a morire. Se provi ad osservare e leggere quello che ti sta accadendo secondo questa logica, allora gli accadimenti non sono più privi di senso ma pregni di una logica evolutiva, la tua. Da quale bisogno nasce il tradimento di tuo marito? Qual il ruolo giocato da te? Di cosa ha bisogno il perdono per essere compiuto? Cosa è l’amore per te e cosa per il tuo compagno? Che ruolo avete entrambi nel rapporto di coppia? Cosa c’è dietro la tua paura nel non sapere cosa accadrà in futuro?... Sai, sono convinto che puoi semplificarti la vita scegliendo una strada qualsiasi tra andare o rimanere, oppure decidere di affrontare la sfida della vita e cercare di rispondere alle domande che essa in questo momento ti sta ponendo per diventare la donna che sa attribuire un senso alla propria vita, che sa amare e che a suo tempo saprà prepararsi a morire..

        Commenta


        • #5
          Grazie Andrea, ho visto solo ora la riposta perchè è da un po di tempo che non entravo nel forum.

          Sai la cosa di farmi domande è la più difficile perchè trovo due strade: l'oppressione della paura a farmele, il senso di vuoto nelle riposte che io stessa non so rispondermi. Poi ho paura del giudizzio altrui, tutto perchè do sempre il meglio di me a tutto e tutti.

          Dare to dream

          Commenta


          • #6
            Sai Alessia non ho difficoltà a credere che il lavoro su se stessi faccia paura, è impegnativo e ci mette di fronte ai nostri fantasmi... Non riuscire a trovare le proprie risposte, poi, è normale, ma non è detto che che sia sempre così, soprattutto se non abbiamo timore a confrontarci con gli altri. Il giudizio altrui, infine, ci fa male se abbiamo bisogno dell'approvazione degli altri, e spesso basta questo per capire che è sano per noi lasciarlo andare il prima possibile, è l'unico modo per essere veramente se stessi. Certo, dobbiamo accontentarci di non piacere a tutti e in ogni occasione...

            Commenta


            • #7
              Grazie Andrea, temo che il mio problema sia proprio quello, il continuo comportarmi come vorrebbero gli altri pensando che così non si potranno lamentare e che così io posso andare bene, il problema che comunque sia hanno sempre da ridire. Mi trovo in un momento che sono stanca di tutte queste situazioni, ma ho anche paura di rimanere da sola comportandomi così. Ho un colmo di rabbia e frustrazione dentro di me.. e il fatto è che non mi sento libera di dire oggi faccio diverso, perchè in qualche modo mi frena quanto ho detto sopra. Magari se slego questa matassa posso trovare le risposte che cerco in me stessa anzichè negli altri.
              Dare to dream

              Commenta


              • andreacoach
                andreacoach commentata
                Modifica di un commento
                Temo che questa matassa si chiami autostima... A mio avviso finchè non riuscirai a vedere chi è veramente Alessia, cosa vuole dalla vita, cosa la fa sentire realizzata, come vuole amare ed essere amata, ecc. e finchè non vorrai assumerti la responsabilità di tutto ciò, sarai costretta a mostrarti per ciò che non sei così da essere almeno un po' riconosciuta... Un abbraccio

            • #8
              Temo che hai propro ragione Andrea grazie di cuore!
              Dare to dream

              Commenta


              • #9
                Ciao Alessia, non so se ancora può esserti utile il mio parere, se ti va puoi guardare questi 4 video gratuiti, che non mirano solo alla riconquista del proprio uomo, ma a capire sopratutto come rinascere e quando ne vale veramente la pena riprovarci. Grazie
                Come riconquistare un uomo con eleganza. 4 VIDEO GRATUITI per riconquistare te stessa e tornare a sorridere insieme.

                Commenta

                Sto operando...
                X